Abbiamo diversi concetti su cosa succederà quando moriremo. Alcuni pensano che tutto sia finito. Altri invece che andremo tutti in cielo. Altri ancora credono nel purgatorio. Nella Bibbia non troviamo nessuna affermazione a riguardo.

Le dichiarazioni di Dio sono ben chiare.

Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio, (Ebrei 9,27)  Chi si trova nella relazione giusta con Dio, sarà ricevuto in cielo, per passare l’eternità nella gloriosa prensenza di Dio. A tutti gli altri spetta un altro soggiorno eterno. Essi saranno puniti di eterna rovina, respinti dalla presenza del Signore e dalla gloria della sua potenza. (2. Tessalonicesi 1,9)  La Bibbia utilizza per questo stato la parola „inferno“.

Lektion7 FeuerL’inferno esiste veramente.

Non è un termine ideato dalla chiesa. La Bibbia parla più spesso dell’inferno che del cielo. Gesù domandò alla gente religiosa: Serpenti, razza di vipere, come scamperete al giudizio dell‘inferno? (Matteo 23,33)  Non era solo una domanda retorica. In altri passi della Bibbia Gesù ne parla ancora. Temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nell‘inferno. (Luca 12,5)

L’inferno è un luogo orribile.

Esistono tanti immagini per descrivere qeusto luogo. Sono immagini di un luogo di sofferenze. Si parla di buio e fiamme. E li getteranno nella fornace ardente. Lì ci sarà pianto e stridor di denti. (Matteo 13,42)  Sono parole dure, ma vere. Gli uomini che saranno in questo posto, vivono sotto la maledizione di Dio. Un luogo dove non si troverà del bene, un sollievo o un aiuto.

L’inferno è luogo finale.

Nell’inferno non c’è una via di uscita, né un modo per uscirne fuori. Questo vuol dire che dopo la morte l’uomo non potrà alternare il suo soggiorno fra inferno e cielo: Oltre a tutto questo, fra noi e voi è posta una grande voragine, perché quelli che vorrebbero passare di qui a voi non possano, né di là si passi da noi. (Luca 16,26)  Lo spavento, la solitudine e le afflizioni dell’inferno non servono per rieducare la persona, ma per punirla eternamente.

L’inferno è un luogo che uno sceglie.

Tu, invece, con la tua ostinazione e con l’impenitenza del tuo cuore, ti accumuli un tesoro d’ira per il giorno dell’ira e della rivelazione del giusto giudizio di Dio. 6 Egli renderà a ciascuno secondo le sue opere. (Romani 2,5-6)  Sia all’inferno che in cielo vivono solo dei volontari. L’ira di Dio toccherà a coloro che prima di morire hanno rifiutato Gesù Cristo obbedendo all’ingiustizia. Sono coloro che hanno rifiutato il piano di salvezza per la loro vita. Sono quelle persone che hanno deciso di vivere senza di lui e Dio rispetta questa scelta. Quindi non si può dire che Dio sia ingiusto.

È incutere paura oppure è un atto di amore?

I cristiani vengono spesso rimproverati perché utilizzano spesso i termini „peccato“ e „inferno“ per incutrere paura. Cosa dovrebbe fare Dio? Vuoi che Dio faccia andare le persone nella disgrazia? Sarebbe questo amore? Ecco la motivazione di Dio, secondo la Bibbia: Tutti quelli che amo, io li riprendo e li correggo. (Apocalisse 3,19)

Proprio perché esiste l’inferno, questo dovrebbe far rifletterti.

Puoi scaricarti le 12 lezioni in formato PDF senza nessun costo.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok